IL POPOLO DEL RUMORE E QUELLO DEL SILENZIO

23 Views

Esistono differenti popoli, in questa nostra umanità. Tra questi popoli, quello di gran lunga più numeroso è il popolo del rumore.

Esso è composto da individui che scelgono, quotidianamente, di identificarsi col proprio ego, di nutrirlo e ingrassarlo, e quindi farlo continuamente esplodere in chiassose esibizioni di arroganza e tracotanza. Si tratta di coloro che sono fortemente determinati a scegliersi una “parte”, ed a considerarla sempre la parte “giusta”, ed hanno un bisogno impellente di sentirsi divisi dalle altre parti, da coloro che considerano i “nemici”. Così si dividono in “partiti politici”, in “vax e no-vax”, in “putiniani e antiputiniani” e così via, tanto per citare alcune delle contrapposizioni più note.

Per la Tradizione, questo è il popolo dei morti ambulanti, ed è curioso che molti degli appartenenti a tale popolo si compiacciano di dichiararsi interessati alla sapienza, magari proprio a quella tradizionale, e inneggino continuamente a valori come la “libertà”, la “dignità”, il “coraggio” e la “fierezza”. Non hanno minimamente idea che i pilastri della Tradizione siano l’umiltà, la compassione, la gentilezza e l’amore. Consumano i propri giorni in una guerra perenne contro sé stessi e contro gli altri, e dopo essersi divorati a vicenda per qualche decina di anni, scompaiono dal piano dell’esistenza e “fama di loro il mondo esser non lassa.”

Poi esiste un popolo che di gran lunga è il meno numeroso: il popolo del silenzio. Gli individui che appartengono a questo piccolo popolo hanno scelto di ascoltare la voce della propria anima, e sono in viaggio guidati da quella voce. Cercano di migliorare il proprio stato di bene-essere, di allontanare per quanto possono la sofferenza esistenziale, scegliendo quotidianamente di coltivare umiltà, compassione, gentilezza ed amore. Ciò li porta a non volere cambiare nulla e nessuno, a non odiare nessuno, a non sentirsi divisi da nessuno, ed a limitarsi a seguire la Voce, il Logos che proviene dall’Origine.

Quasi nessuno si accorge che esiste il popolo del silenzio, ed è un bene che sia così. L’umanità esiste ancora perché nell’oscurità opera il popolo del silenzio, a bilanciare l’azione distruttrice del popolo del rumore. Oltre a questi due popoli, che costituiscono due estremi di uno spettro di inclinazioni differenti, ce ne sono tanti altri che rappresentano le differenti gradazioni dello spettro.

Ognuno di noi, giornalmente, sceglie a quale popolo appartenere e così decreta personalmente la propria sorte. “Faber est suae quisque fortunae.”

Nel mito, fu Prometeo a dare all’uomo questa possibilità, regalandogli la vera libertà e mettendogli sulle spalle l’onere della scelta. Ognuno di noi deve pagare questo onere, come prezzo al privilegio dell’esistere. E il prezzo che paga chi sceglie di appartenere al popolo del rumore, è altissimo.

Paga con l’annientamento di sé stesso.

Nell’immagine: Prometeo plasma l’uomo, olio su tela di Piero di Cosimo (1515)

About Post Author

Domenico Rosaci

Domenico Rosaci è Professore Associato di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni, e conduce ricerche nel campo dell'Intelligenza Artificiale. E' autore dei saggi sull'esoterismo "Arcana Memoria" e "Il Labirinto del Cristo" e dei romanzi "Il Sentiero dei Folli", "La Zingara di Metz" e "I Fiori di Tanato", pubblicati da Falzea Editore.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »